lunedì 6 febbraio 2012

SOLIDARIETA' CON GAZA

A Gaza é di nuovo emergenza sanitaria! La penuria di gasolio per i gruppi elettrogeni potrebbe uccidere centinaia di pazienti



Dializzati, politrasfusi, feriti in coma attaccati a macchine e respiratori, pazienti in terapia intensiva per carenze cardiache, potrebbero essere queste le prossime vittime dello strangolamento sionazista contro il ghetto assediato di Gaza. Con l'unica centrale elettrica ripetutamente bombardata che non riesce a fornire corrente alla regione per più di dieci-quattordici ore al giorno nei numerosi ospedali e nelle cliniche di Gaza, Khan Younis e Beit Hanoun dozzine e dozzine di persone dipendono per la loro stessa vita dal funzionamento dei gruppi elettrogeni a combustibile di cui ormai ogni struttura sanitaria é necessariamente dotata.

Ma tali gruppi per funzionare hanno appunto bisogno di gasolio e anche questo genere é sottoposto alle disumane ristrettezze dell'assedio shylockiano, mano mano che esso prosegue e si irrigidisce persino le magre riserve di carburante sono andate del tutto prosciugandosi e le quantità che arrivano coraggiosamente contrabbandate attraverso i "tunnel della vita" al confine con l'Egitto sono ormai insufficienti a far fronte a una domanda in continua crescita.

Il Ministero della Salute del Governo palestinese ha lanciato l'allarme per una prossima "crisi sanitaria" con questo comunicato relato dal portavoce Ashraf al-Qedra: "Tutti i reparti ospedalieri della Striscia che dipendono dalla costante fornitura di elettricità potrebbero improvvisamente cessare di funzionare, anche le scorte di plasma, sangue, tessuti per trapianti e medicinali che necessitano di refrigerazione potrebbero andare perse per sempre, con conseguenze inimmaginabili". Una possibile soluzione del problema starebbe nell'allacciamento di Gaza alla rete elettrica egiziana, che potrebbe fornire all'enclave tutta l'energia necessaria a colmare gli ammanchi dovuti al parziale funzionamento della sua centrale.

Nessun commento:

Posta un commento

Lettori fissi